Astenopia o Affaticamento Visivo2019-05-31T09:31:21+02:00

AREE DI STUDIO/RICERCA SCIENTIFICA – Astenopia o Affaticamento Visivo

DI COSA SI TRATTA E COME RICONOSCERLA

Condizione di AFFATICAMENTO OCULARE dovuto all’uso prolungato di apparecchi elettronici a luce blu (computer, smartphone, tablet, ecc.), ma anche a condizioni ambientali sfavorevoli o a difetti della vista (miopia, ipermetropia, ecc.) che comportano un eccessivo affaticamento dei muscoli oculari e della retina.

Spesso durante l’utilizzo di questi dispositivi l’attenzione e la concentrazione è alta e questo può portare a un minor ammiccamento (la classica involontaria e veloce chiusura e riapertura delle palpebre), con diminuzione della lacrimazione e aumento del fastidio, rossore e bruciore.

La condizione di stress visivo solitamente è una situazione passeggera e basta un po’ di riposo per notare già un miglioramento. Tuttavia può capitare che il prolungarsi di abitudini scorrette porti ad una situazione di fastidio quotidiana, quasi cronica, tanto da rendere chi ne soffre incapace di concentrarsi a dovere e svolgere le normali attività quotidiane.

IL CONSIGLIO

utilizzare occhiali dotati di correzione che tenga conto della distanza di lavoro;

fare periodicamente delle pause quando si lavora al computer;

migliorare l’illuminazione dell’ambiente durante l’utilizzo dei dispositivi elettronici evitando fastidiosi riflessi;

correggere la propria postura in quanto si è notato che ha influenza sull’astenopia;

instillare, se necessario, sostituti lacrimali, in grado di lubrificare costantemente la superficie oculare;

CHIEDI SEMPRE AL TUO MEDICO OCULISTA

PRODOTTO CONSIGLIATO

Le informazioni, immagini, descrizioni e quanto altro riportato nel sito relativi a dispositivi medici non sono di natura pubblicitaria ma materiale informativo rivolto esclusivamente a Professionisti dell’area sanitaria. Pertanto proseguendo nella navigazione l’utente dichiara di essere un Professionista dell’area sanitaria. Riferimento:Ministero della Salute – “Nuove linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico-chirurgici” del 28 Marzo 2013; Aggiornamento delle “Linee guida in merito all’utilizzo di nuovi mezzi di diffusione della pubblicità sanitaria” del 17 Febbraio 2010