Edema retinico post chirurgico2019-05-28T16:31:29+02:00

AREE DI STUDIO/RICERCA SCIENTIFICA – Edema retinico post chirurgico

DI COSA SI TRATTA E COME INTERVIENE

L’EDEMA MACULARE è una complicanza di alcune patologie della retina quali la retinopatia diabetica, le occlusioni vascolari retiniche o, in alcuni casi, può essere l’effetto secondario indesiderato di un intervento chirurgico come quello dell’asportazione della cataratta (sindrome di Irvine-Gass).

La moderna chirurgia della cataratta, praticata oramai in larga parte della popolazione mondiale, è la facoemulsificazione del cristallino divenuto catarattoso e l’introduzione del cristallino artificiale.

Tale procedura, introdotta alla fine degli anni ’80, aveva migliorato nettamente i fattori di flogosi, precedentemente ben noti, quasi a dimenticarne l’esistenza.

Un fattore di flogosi è l’Edema Maculare Cistoide (P.C.M.E. Pseudophakic Cystoid Macular Edema).
La patogenesi dell’edema maculare cistoide, anche se non è completamente chiarita, sembra sia in relazione all’alterazione della barriera emato-retinica in conseguenza del rilascio di mediatori flogogeni.
L’infiammazione postchirurgica inizia acutamente e si riduce spontaneamente a seguito della reazione dell’organismo.

L’edema maculare è soprattutto presente nelle persone diabetiche, dove la sua prevalenza dopo chirurgia della cataratta può arrivare a 6 volte quella dei non diabetici.

L’associazione europea della cataratta e della chirurgia refrattiva (E.S.C.R.S. European Society of Cataract & Refractive Surgeons), ha riportato negli ultimi anni all’attenzione dei Medici oculisti questo importante problema, con uno studio PREMED, del quale si è discusso a Lisbona 2017 e Vienna 2108.

IL CONSIGLIO

CHIEDI SEMPRE AL TUO MEDICO OCULISTA

PRODOTTO CONSIGLIATO

Le informazioni, immagini, descrizioni e quanto altro riportato nel sito relativi a dispositivi medici non sono di natura pubblicitaria ma materiale informativo rivolto esclusivamente a Professionisti dell’area sanitaria. Pertanto proseguendo nella navigazione l’utente dichiara di essere un Professionista dell’area sanitaria. Riferimento:Ministero della Salute – “Nuove linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico-chirurgici” del 28 Marzo 2013; Aggiornamento delle “Linee guida in merito all’utilizzo di nuovi mezzi di diffusione della pubblicità sanitaria” del 17 Febbraio 2010