Home/APPROFONDIMENTI/Retimix/LA DMLE UMIDA: TERAPIE FARMACOLOGICHE (INIEZIONI INTRAVITREALI)

LA DMLE UMIDA: TERAPIE FARMACOLOGICHE (INIEZIONI INTRAVITREALI)

Le iniezioni intravitreali, praticate da un oculista qualificato, permettono di introdurre direttamente nell’occhio un determinato farmaco attraverso la sclera.

I farmaci attualmente approvati ed utilizzati per uso intraoculare sono gli anti-VEGF (inibitori della formazione di nuovi vasi sanguigni retinici anomali) e cortisonici.

Gli anti-VEGF sono utilizzati sia nel trattamento della DMLE (forma umida o essudativa), che nell’edema maculare diabetico e nell’edema causato da trombosi dei vasi retinici.

L’iniezione viene eseguita in sala operatoria, in condizione di sterilità, in anestesia topica, mediante istillazione di colliri anestetici. La pratica è molto veloce, circa un minuto, e la sensazione avvertita è minima, della durata di pochi secondi.

Nella degenerazione maculare essudativa viene praticata un’iniezione al mese per i primi tre mesi.

L’efficacia delle iniezioni intravitreali dipende dal tipo di malattia trattata e dal grado di avanzamento della malattia stessa.

Per aderire al protocollo terapeutico, il paziente deve sottoporsi quindi a dei cicli di trattamento.

La terapia successiva all’iniezione intravitreale è a base di colliri antibiotici e cortisonici, sia per controllare l’infiammazione che prevenire le infezioni.

Anche se poco fastidiose, le iniezioni intravitreali possono essere un potenziale rischio di infezione. Per questo motivo la tendenza del medico oculista è cercare di allungare i tempi tra un ciclo di terapia e il successivo.

2020-03-16T18:02:21+01:00
Le informazioni, immagini, descrizioni e quanto altro riportato nel sito relativi a dispositivi medici non sono di natura pubblicitaria ma materiale informativo rivolto esclusivamente a Professionisti dell’area sanitaria. Pertanto proseguendo nella navigazione l’utente dichiara di essere un Professionista dell’area sanitaria. Riferimento:Ministero della Salute – “Nuove linee guida della pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico-chirurgici” del 28 Marzo 2013; Aggiornamento delle “Linee guida in merito all’utilizzo di nuovi mezzi di diffusione della pubblicità sanitaria” del 17 Febbraio 2010 - These statements have not been evaluated by the Food & Drug Administration. These products are not intended to diagnose, treat, cure or prevent any disease. Please contact your healthcare professional immediately if you experience any unwanted side effects. The information contained herein is for informational purposes only and does not establish a doctor-patient relationship. Please be sure to consult your physician before taking this or any other product. Statements regarding dietary supplements have not been evaluated by the FDA and are not intended to diagnose, treat, cure, or prevent any disease or health condition.
Torna in cima