Miodesopsie o Mosche Volanti

Di cosa si tratta e come riconoscerle

Le miodesopsie, o comunemente mosche volanti, sono corpi mobili vitreali e si manifestano come zone più scure che si spostano quando muoviamo gli occhi. Possono insorgere a qualunque età e possono anche accompagnarci per tutta la vita.

Le miodesopsie si presentano in seguito a fenomeni degenerativi del corpo vitreo (la sostanza gelatinosa contenuta all’interno dell’occhio).

Miodesopsie: le cause

Il corpo vitreo è costituito dal 99% di acqua e per il restante 1% da fibre di collagene, cellule vitree (ialociti), acido ialuronico e proteine che ne costituiscono l’impalcatura. L’acido ialuronico è la molecola più presente e svolge una funzione fondamentale nel sostenere le fibre di collagene e trattenere le molecole d’acqua.

Durante i fenomeni legati all’invecchiamento e degenerativi, la capacità di produzione dell’acido ialuronico all’interno del vitreo viene a ridursi: le fibre di collagene non sono supportate adeguatamente e tendono a collassare l’una sull’altra, creando degli addensamenti. In questo modo il corpo vitreo perde la propria trasparenza per una riduzione della componente acquosa.

La degenerazione del corpo vitreo può essere causata da processi legati all’invecchiamento ma anche dalla miopia, da traumi, da emorragie e/o da processi infiammatori (uveite, diabete). Nei casi più gravi, le miodesopsie si possono verificare a causa di un distacco di retina oppure in seguito a procedure chirurgiche. In questi casi è possibile vedere anche lampi di luce (fosfeni) indotti dalle sollecitazioni che il corpo vitreo distaccato esercita sulla retina.

Miodesopsie: rimedi e consigli

  • bere molto, perché l’idratazione è fondamentale per mantenere l’integrità del corpo vitreo;
  • mantenere uno stile di vita adeguato e un’alimentazione sana, privilegiando frutta e verdura e limitando i cibi grassi;
  • proteggere gli occhi dall’esposizione solare, perché i raggi UV aumentano la progressione e la degenerazione del corpo vitreo;
  • Scegliere un’integrazione mirata

Chiedi sempre al tuo medico oculista.

Approfondimento

Prodotto consigliato